"Rusciu de Lu Mare": storia del brano, testo e traduzione - itLecce

itLecce

STORIA USI E COSTUMI

“Rusciu de Lu Mare”: storia del brano, testo e traduzione

Lu Rusciu De Lu Mare

“Lu Rusciu de lu mare” è forse una delle canzoni popolari più amate nel Salento (e non solo). Non a caso, viene cantata e ballata spessissimo in eventi come sagre e feste, in lungo e in largo in tutto il territorio. Questo perché il suo ritmo, tipicamente lento all’inizio e più cadenzato nella coda del brano, lo rende perfetto da danzare e interpretare. La sua storia è romantica e bellissima, tuttavia ha origini antichissime ed è per questo che la raccontiamo qui sotto. 

Rusciu De Lu Mare Nasce a Gallipoli, in primo piano
Il brano nasce a Gallipoli e ricorda il rumore del mare

Rusciu de lu Mare: una storia affascinante

Il testo del canto popolare Lu Rusciu de lu Mare (tradotto “Il Rumore del mare” ) racconta una storia d’amore impossibile tra un soldato e una nobildonna, precisamente la figlia di un Re. Di conseguenza, si tratta di una storia osteggiata dai più poiché considerata inconcepibile a causa dei ceti sociali diversi dei due. Parliamo, dunque, di un’epoca dove era ancora molto importante preservare le apparenze e non sottrarsi ai propri doveri. La relazione tra i due amanti era così ostacolata che nel brano viene paragonata allo storico conflitto tra Turchi e Spagnoli, storici invasori del territorio. Il canto pare sia nato a Gallipoli secoli fa anche se è solo nel 1978 che ha preso una nuova vita, ma in un contesto diverso: a Firenze. 

Firenze, Panorama dall'alto
A Firenze “riprende vita”

Lu Rusciu de lu Mare rinasce e si modifica a Firenze

Nel 1978 a Firenze viveva Luigi Cardigliano, originario di Ugento. Tra il ‘78 e l’84, l’uomo si incontrava spesso in Piazza della Signoria con altri giovani studenti del sud italia (calabresi, pugliesi, siciliani, sardi) in un clima perciò vivo e di evocazione delle proprie origini. Si ballava e si univano canti e suoni popolari in una mescolanza di riti e dialetti non poi così distanti tra loro. Fu in questo contesto che Lu Rusciu de lu Mare cambia e prende una nuova vita e identità come canzone. Ad oggi esistono tre versioni del brano: la prima ha un ritmo molto lento. La seconda, modificata da Cardigliano, più modulato e ricco di accordi (vi aggiunse anche una strofa nella parte finale del testo). Mentre l’ultima, datata 1993-94, ha un ritmo molto più veloce, introdotto da Bruno Spennato, amico di Cardigliano, che si unì a un gruppo emergente dell’epoca, gli “Alla Bua”.

Tamburello in primo piano
È soprattutto il tamburello lo strumento per eccellenza per suonarlo

Il testo de Lu Rusciu de lu Mare

In questo paragrafo, troverai il testo della canzone Lu Rusciu de lu Mare. Come abbiamo visto, vi sono diverse versioni del brano. Tuttavia del testo ve n’è una sola:

Nu giurnu scei ‘ncaccia a li patuli
e ‘ntisi na cranonchiula cantare.
A una a una le sentia cantare
ca me pariane lu rusciu te lu mare.
Lu rusciu te lu mare è troppu forte,
la fija te lu re si ta la morte.
Iddha si ta la morte e jeu la vita,
la fija te lu re sta se marita.
Iddha sta se marita e j
eu me ‘nzuru,
la fija te li re porta nu fiuru.
Iddha porta nu fiuru e jeu na parma,
la fija te lu re sta va ‘lla Spagna.
Iddha sta va la Spagna e jeu ‘n Turchia.
la fija te lu re è a zita mia.
E vola vola vola vola vola.
e vola vola vola palomba mia.
Ca jeu lu core meu te l’aggiu ddare,
ca jeu lu core meu te l’aggiu ddare
“.

Concerti
Con Lu Rusciu de lu mare si balla

La traduzione del brano

In questo paragrafo, vi è invece la traduzione del brano:

Un giorno andai a caccia per le paludi
e perciò udii una ranocchia gracidare.
A una a una le sentivo cantare,
di conseguenza mi sembravano il frastuono del mare.
Il rumore del mare è troppo forte,
la figlia del Re si dà la morte.
Lei si dà la morte, ed io la vita,
la figlia del Re ora si marita.
Ella si marita e io mi sposo,
la figlia del Re porta un fiore.
Ella porta un fiore ed io una palma,
la figlia del Re parte in Spagna.
Ella parte in Spagna ed io un Turchia,
la figlia del Re è la fidanzata mia.
E vola vola vola vola vola,
e vola vola vola palomba mia.
Che io il cuore mio te le devo dare,
che io il cuore mio te le devo dare
“.

“Rusciu de Lu Mare”: storia del brano, testo e traduzione ultima modifica: 2021-02-12T11:36:23+01:00 da Roberta De Gaetani

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x