PASSEGGIANDO VICOLI

Presicce, storia, tradizioni e curiosità di un paesino nel profondo Salento

Borgo Di Presicce - enoteca
17731

Vuoi aggiungere delle "Foto" a questa sezione? Aggiungi

Oggi siamo nel borgo di Presicce, un comune a sud della provincia di Lecce, inserito dal 2011 nell’associazione I borghi più belli d’Italia. Lo stemma di Presicce ci narra un po’ delle sue origini incerte: raffigurante un cervo che beve da una fonte, indica probabilmente presenza di acqua. In questo articolo conosceremo un po’ delle sue meraviglie, sebbene la giornata uggiosa, che non ne offusca comunque la bellezza. Iniziamo con una bella passeggiata.

Il magico borgo di Presicce e le ipotesi sul suo nome

Il borgo di Presicce fa parte dell’Associazione Nazionale Città dell’Olio: è infatti fervido di ipogei sotterranei a testimonianza di una cospicua produzione di olio. L’etimologia del nome “Presicce” non è a tutt’oggi chiara: dall’ipotesi che il termine derivi dall’unione di Praesi e Sixos, si passa alla supposizione del latino. Prendendo in esame il latino, Presicce potrebbe originarsi da Praesepe, successivamente evolutasi in Praesippum per terminare in Presicce.

Borgo Di Presicce - stradine attorno al centro storico

Vicoli eleganti di Presicce

Le ipotesi che abbiamo menzionato appartengono rispettivamente agli studiosi Cepolla e Colella. La teoria più accreditata è quella di Giacomo Arditi che affibbierebbe il termine Presicce a Praesitium, in seguito evoluto in Praesitio. Praesidium indicherebbe un presidio militare, una sorta di insediamento creatosi su una collina poco distante dall’attuale borgo di Presicce, allo scopo difensivo dalle invasioni saracene. Gli abitanti del luogo sono denominati “Mascarani”, la cui etimologia parrebbe derivare da una vicenda esplicatasi nella serata di festa del Carnevale di metà ‘600.

Il borgo di Presicce e il suo museo tra mestieri antichi e tradizioni

Arriviamo all’entrata di Presicce da Santa Maria di Leuca e parcheggiamo nell’area dei negozi. In questo modo raggiungeremo il borgo di Presicce a piedi e potremo accorgerci meglio delle sue caratteristiche. La giornata è uggiosa, tuttavia riusciamo a scorgere la bellezza dei monumenti e a scattare delle foto che ne rendono un po’ la grazia. Nel paese è presente il Museo della Civiltà Contadina, ubicato in vani del Palazzo Ducale. Il museo custodisce all’incirca 350 pezzi inerenti alle tradizioni locali e ai mestieri del passato. Il museo è suddiviso nelle sale del primo piano e nelle sale del pianterreno. Nelle prime si può rinvenire l’ambiente domestico di un tempo dove è presente anche un telaio; nelle seconde si osservano gli attrezzi adibiti ai mestieri. Gli attrezzi fanno parte delle attività legate ai maniscalchi, ai cavapietre, ai contadini e agli immancabili frantoi. Visitarli è un salto nel tempo con forti emozioni.

Borgo Di Presicce - una sala del museo

Elementi del Museo della Civiltà Contadina

Il borgo di Presicce, l’incanto dei suoi vicoli tra storia e passeggiate

Eravamo rimasti all’etimologia del nome Mascarani con cui vengono appellati i presiccesi. Si narra che il Principe di Presicce, in una serata di festeggiamenti per il Carnevale del 1655, fu ucciso da un colpo d’arma. Affacciandosi da una finestra del Castello per salutare il popolo in festa, fu colpito da un proiettile esploso da un uomo mascherato. Giungendo nel borgo di Presicce noteremo la Chiesa Madre di Sant’Andrea Apostolo, che spicca con eleganza accompagnata da un campanile rinascimentale. Il Barocco sancisce il suo stile nella meravigliosa estetica, mentre all’interno custodisce nove altari, otto dei quali decorati da stucchi. Dipinti preziosi e marmi caratterizzano gli ambienti di questo luogo di culto, tra cui l’altare maggiore. Nel Natale 2017 Ferrero Rocher ha illuminato il borgo di Presicce con luminarie mozzafiato in piazzetta Villani, in via Marchese Arditi e sulla Chiesa Madre. La foto del Museo della Civiltà contadina è tratta da ProlocoPresicce.

Borgo Di Presicce - entrata in piazza

Passeggiando per il borgo di Presicce

Presicce, storia, tradizioni e curiosità di un paesino nel profondo Salento ultima modifica: 2019-03-22T10:30:52+02:00 da Antonella Marchisella

Commenti

To Top