LO SAPEVI CHE NATURA

Santa Cesarea Terme: benessere e magia

La cupola di Villa Sticchi a Santa Cesarea Terme

Il centro urbano di Santa Cesarea Terme si sviluppa solo dopo il XIX sec. nonostante fin dai tempi antichi siano note le proprietà salutari delle sue acque. Tuttora l’economia del luogo, oltre al commercio di creazioni artigianali, si basa essenzialmente sullo sfruttamento dei suoi fanghi e acque termali. Gattulla, Solfatara, Solfurea e Fetida sono i nomi delle quattro grotte da cui sgorgano le portentose acque. Il Comune di Santa Cesarea è stato costituito nel 1913 e la denominazione “Terme” è assegnata in seguito.

Santa Cesarea Terme, il turismo della salute e i suoi sviluppi

E’ negli anni ’70 e ’80 che in Italia i centri termali sono investiti da un forte sviluppo a cui segue però un calo dovuto alla scarsa capacità dei gestori pubblici e privati nell’offerta di servizi integrati e di tendenza. Ricordiamo tuttavia che il turismo della salute ha le sue origini in epoche remote, basti pensare alle Terme di Caracalla a Roma. Nel Medioevo le pratiche atte alla cura della persona vengono bandite e sono viste come pratiche da eludere. Per poi riprendere a diffondersi – questa volta in tutte le classi sociali – nel Novecento, non più appannaggio delle soli classi ricche.

Terme Di Caracalla Roma - visuale Roma Antica

Le Terme di Caracalla. Foto tratta da Pixabay

Negli anni ’80 ha inizio un boom della domanda nel turismo della salute. Grazie, probabilmente, al fatto che i canoni estetici prendono piede, tra i vari fattori da analizzare. Si parla così di “Turismo della salute di seconda generazione” e “Turismo della salute di terza generazione”. Nel secondo le terme si trasformano da centri quasi ospedalieri a beauty farm; nel terzo vengono integrate pratiche olistiche.

Santa Cesarea e le sue Terme: tipologia delle sue acque

Le acque sgorganti dalle grotte di Santa Cesarea Terme fanno parte delle acque Salso-bromo-iodiche-solfuree-fluorurate, dunque molto attive dal punto di vista terapeutico. Si tratta di una immensa risorsa di benessere, efficaci soprattutto nel trattamento di patologie delle alte e basse vie respiratorie. Inoltre il gas solfureo che si libera nelle acque di Santa Cesarea è utile per la prevenzione e il trattamento della sordità rinogena. Attualmente è presente anche un centro di medicina estetica per rispondere alla crescente domanda di uso di acque e fanghi per la cura estetica. Le acque si classificano oltre che per la quantità di sale che contengono, anche per il tipo di minerali che possiedono. Le acque solfuree ad esempio, possono esplicare azioni detossinanti per il fegato, mentre le acque calciche sono indicate per la prevenzione dell’osteoporosi.

Alla scoperta di ville e monumenti su un panorama mozzafiato

Una delle maggiori attrattive di Santa Cesarea è sicuramente Villa Sticchi. In stile moresco, edificata tra il 1894 e il 1900, fa un effetto stupefacente il solo avvicinarsi. Un capolavoro realizzato su uno sperone roccioso, Villa Sticchi, ha nella sua bellezza incisioni nella chiara pietra leccese che rendono ancora più eleganti i dettagli.

Veduta del retro di Villa Sticchi a Santa Cesarea Terme

Villa Sticchi. Foto tratta da Wikimedia Commons

Tra i colori con i quali è dipinta si notano tenui l’azzurro, il bianco e il rosso. Internamente ha tra le varie sale un ampio salone rettangolare e un vano absidato, i pavimenti a mosaico. Camminando sul lungomare potremo notare anche la Chiesa Madre del Sacro Cuore, con rosone centrale interessante a completamento di uno stile semplice custodisce al suo interno la splendida statua di cartapesta di Santa Cesaria Vergine.

Santa Cesarea Terme: benessere e magia ultima modifica: 2019-08-14T09:00:00+02:00 da Antonella Marchisella

Commenti

To Top