I LECCESI RACCONTANO LECCE PER PROMUOVERLA

itLecce

COSA VEDERE ITINERARI NATURA PAESAGGI

Torre Sant’Andrea, piccolo gioiello dell’adriatico

I meravigliosi Faraglioni Di Sant'andrea

Torre Sant’Andrea fa parte delle marine di Melendugno, in provincia di Lecce. Più volte insignite del riconoscimento Bandiera Blu per la purezza delle acque, queste marine sul litorale adriatico a nord di Otranto costituiscono una meta imperdibile per chi voglia conoscere la costa orientale del Salento. Torre Sant’Andrea in particolare è un piccolo gioiello: una caletta sabbiosa immersa in uno scenario di faraglioni che la incorniciano e ne custodiscono la bellezza.

La “sfinge” di Torre Sant’Andrea

La baia sabbiosa di Sant’Andrea offre prospettive naturalistiche da opera d’arte. Nel corso dei secoli l’erosione delle acque ha disegnato i lineamenti dei costoni che abbracciano la piccola spiaggia. Fermarsi nella parte alta dello spiazzo antistante la baia vuol dire poter assistere da qualunque angolazione a uno scorcio di incanto. Nello specchio d’acqua, a poche centinaia di metri dalla riva, è possibile ammirare uno scoglio che impreziosisce la visuale. Immortalato da fotografi professionisti e turisti da ogni angolo del mondo, è diventato uno dei simboli di Torre Sant’Andrea. Per le sue sembianze ricorda una sfinge rivolta a sud, come se proteggesse con la sua presenza questo luogo incantato.

Mare Di Torre Santandrea
“puglia_2012-09-21_011” by carlo is licensed under CC BY-NC-SA 2.0 

Il faro di Sant’Andrea

Sulla destra della baia, un po’ nascosto dalla vegetazione del promontorio a nord, sorge il faro di Torre Sant’Andrea, che illumina senza sosta le rotte delle imbarcazioni nel Canale d’Otranto. Si può raggiungere tramite un percorso di poche decine di metri dal piazzale accanto al Babilonia, importante luogo di ritrovo nelle serate estive. Si organizzano concerti all’aperto, serate di musica elettronica, e non capita di rado di incontrare al bancone qualcuno come Samuel dei Subsonica. Il gruppo torinese è da sempre molto legato al litorale adriatico e non manca di organizzare sempre un concerto da queste parti. Dalle panchine posizionate sulla collinetta del faro si può inoltre godere di una prospettiva ideale per immergersi nella bellezza della caletta.

Veduta Di Santandrea
Veduta di Sant’Andrea – Foto di Simona Rizzo ©

Come raggiungere Sant’Andrea

Partendo da Lecce si può raggiungere Sant’Andrea attraverso due percorsi principali: il primo, l’itinerario più lento e panoramico, si snoda attraverso le località del litorale adriatico. Da Lecce occorre spostarsi a San Cataldo, la marina più vicina al capoluogo. Da lì bisogna prendere la litoranea sud verso Otranto. Questo percorso è un’occasione per godere della vista di Torre Specchia e Roca. Poco dopo Torre dell’Orso, sarà necessario imboccare la rotatoria e seguire le indicazioni sulla destra per Sant’Andrea. Il secondo itinerario prevede un percorso iniziale nell’entroterra. Si costeggiano Merine, Acaya, Vernole e Melendugno. Da Melendugno la strada per le marine è ben segnalata. Lo scorrimento veloce, attualmente in fase di lavori, permette di raggiungere da Lecce le marine di Melendugno in meno tempo, ma nulla ha del fascino della litoranea.

Torre Sant’Andrea, piccolo gioiello dell’adriatico ultima modifica: 2020-02-07T09:00:00+01:00 da Simona Rizzo
To Top