NOI PASSEGGIANDO PROMUOVI

A passi lenti attraverso la bellezza

Img 20181103 151802

La meraviglia dell’Italia è innegabile, centimetro per centimetro. La varietà degli scenari offerti da ogni regione, non solo a livello paesaggistico ma anche culturale e culinario, fa del nostro Bel Paese un puzzle di pezzi di inestimabile valore. Fatta questa premessa funzionale, necessaria e doverosa, la domanda di oggi è la seguente: quanti di voi conoscono veramente le meraviglie di quel pezzo di puzzle che costituisce la parte meridionale del tacco d’Italia? Nelle prossime righe vi invitiamo a prendere quel pezzo di puzzle tra le mani e a osservarlo con la stessa curiosità con cui la osserverebbe un bambino. Ecco a voi Lecce!

Lecce - immagine di fiori e piazza

Lecce: l’eleganza del barocco

Ce l’avete tra le dita? Ne avete scrutati i bordi e i colori? Vi consigliamo di farlo mentre siete comodamente seduti dinanzi ad un caffè in ghiaccio, meglio se con latte di mandorla. Oggi siamo a Lecce, capoluogo dell’omonima provincia salentina, punto di snodo per 31 comuni italiani, accomunati da coloriti dialetti, dal rosso della terra e dal calore del sole. Lecce, per molti nota come la Firenze del Sud, di antichissime origini e di sempre attuali splendori, ha l’anima nascosta nel suo scenografico centro storico. Negli ultimi anni, anche per via della pubblicità che i più importanti rotocalchi mondiali le hanno dedicato, la città ha dovuto far le sue braccia un po’ più lunghe, di modo da poter racchiudere in un abbraccio le miriadi di turisti che si riversano per le sue strade e per i suoi vicoli intrisi di storia e bellezza. Il rinnovato scenario internazionale nel quale esibisce i suoi tesori architettonici di cornice barocca contribuisce a dare vita e colore ai tenui toni del grano maturo che il sole le regala quando la bacia, quasi tutti i giorni dell’anno.

Lecce - fiori e scorcio di chiesa

Assaporare lo stupore

Lecce insegna che la salentinità, ci si passi il termine, è fatta di cose semplici, di cibi rustici e di tanto calore. Qui si apprezza il ritmo lento delle cose, l’estro racchiuso nell’apparente caos, la luce fioca dei lampioni che contribuisce a una migliore visione dei bassorilievi. Lecce è per i poeti: nasconde ispirazioni per comporre versi tra i balconi dei suoi palazzi e le fioriere degli edifici antichi. Lecce non ha stagione, ha un profumo nell’aria che non perde d’intensità col passare dei giorni e che la rende appetibile in tutti i momenti dell’anno. Lecce è magia, è per i bambini, gli amanti e i sognatori. Lecce è da mordere senza rimorso e da gustare con un’espressione di piacere, proprio come il ripieno del suo pasticciotto. Provate ad affacciarvi in Piazza del Duomo e a scattare una fotografia che eguagli le immagini catturate dalle vostre pupille: non ci riuscirete. C’è il copyright sulle emozioni e non c’è scopo di lucro nella sua meravigliosa impresa di lasciarvi senza parole.

Lecce - piazza di sera

Bene, a quanto pare è tempo di riporre il pezzo di puzzle. I puzzle, si sa, sono solo frammenti di una realtà che bisognerebbe esplorare con gli occhi, per poterla ricomporre come merita, nella sua essenza. Speriamo abbiate presto la possibilità di ritrovarvi nelle nostre parole e di testare con tutti i sensi una meraviglia non racchiudibile in un testo. Al prossimo viaggio assieme.

Greta Innocenta

Autore: Greta Innocenta

Ciao, sono Greta e ho 24 anni. Ho sempre fatto delle parole il mio mondo e spero che tra le mie righe riusciate a vedere un frammento della realtà immagazzinata coi miei occhi.

A passi lenti attraverso la bellezza ultima modifica: 2018-11-28T10:30:01+01:00 da Greta Innocenta

Commenti

To Top