I LECCESI RACCONTANO LECCE PER PROMUOVERLA

itLecce

CULTURA

Negramaro, dal Salento ai sold-out degli stadi italiani

Negramaro 1

I Negramaro sono un fenomeno che ha rivoluzionato gli anni 2000. La loro entrata nel panorama musicale italiano ha cambiato alcuni canoni del pop-rock italiano. Una band che da Copertino (Salento) ha conquistato gli stadi di tutta Italia. I fans hanno visto nei Negramaro il mondo in cui possono rispecchiarsi. Il talento e la classe del suo leader Giuliano Sangiorgi è l’accento pregevole sulla loro carriera artistica. Un legame fortissimo ed identitario anche con la loro terra pugliese. Un gruppo notato e scoperto da Caterina Caselli nei primi anni 2000. Il caschetto d’oro degli anni ’60 che subito fiutato le loro capacità. Dal Salento ai sold-out nelle maggiori arene italiane. Una storia musicale e artistica simbolo della musica italiana.

Negramaro

Negramaro orgoglio musicale salentino

Sono l’orgoglio del salento. Da anni rappresentano il meglio del panorama musicale italiano. La loro storia parte dalla Puglia precisamente da Copertino. Il loro nome è intriso di appartenenza ed identità del meraviglioso Salento. Il vino rosso Negramaro è scuro ed intenso, ma anche amaro proprio come l’anima della band. Una storia affascinante che profuma come la loro terra di passione, sacrificio e talento. La band si fa notare grazie alla cover di Amarsi un po di Lucio Battisti. Subito vengono notati da Caterina Caselli che li porta nel 2002 alla Sugar. L’album si intitola 000577. L’anno della consacrazione è il 2005 con Mentre Tutto Scorre. La band formata da Giuliano Sangiorgi, Emanuele Spedicato, Ermanno Carlà, Danilo Tasco, Andrea Mariano e Andrea De Rocco porta il Salento in cima alla musica italiana. La loro anima musicale intima e calorosa ma dai tratti anche graffianti e dolorosi sono le chiavi del successo.

Negramaro

Il trionfo al Festival di Sanremo e la conquista degli stadi italiani

Il brano Mentre Tutto Scorre conquista la 55esima edizione del Festival di Sanremo. La band viene catapultata nel panorama musicale italiano come nuove icone del rock-pop. Seguono poi anche collaborazioni nel mondo del cinema con Stefano D’Alatri e Gabriel Muccino. Il 2007 è l’anno dell’album la Finestra a cui si susseguono le vittorie al Festivalbar e del Premio Lunezia. Registrato negli Stati Uniti il disco balza al primo posto delle classifiche italiane e apre al primo sold-out della band a San Siro nel 2008. La band è oramai protagonista della scena musicale italiana. Nel 2010 poi arriva Casa69 disco seguito da un momento di stop del gruppo per l’operazione alle corde vocali del suo leader Giuliano Sangiorgi. I successi non si fermano e continuano con il trionfo del disco d’oro delle vendite. Gli album successivi sono Una Storia Semplice del 2012 e La rivoluzione sta arrivando del 2016. Grazie a questi vengono bissati disco d’oro e disco di platino e altri sold-out in tutti gli stadi italiani. L’ultimo lavoro è datato 2017 e si chiama Amore che Torni con cui hanno conquistato la vetta della classifica.

Negramaro

Il Salento terra di Taranta e nuovo rock nazionale

Tra passato e futuro il Salento si impone come terra fervida di talenti musicali. Con la Taranta ha saputo produrre e scavare nelle sue radici  proponendo festival internazionali come la Notte della Taranta. Dove passione, energia e i profumi del sud attirano migliaia di appassionati. Spostandoci agli anni 2000 i Negramaro hanno saputo ampliare le frontiere del cantautorato rock. Una terra che si dimostra produttrice di musicisti ed artisti dall’immenso talento. Basti pensare anche a musicisti come Caparezza nati con lo stesso percorso di Sangiorgi e soci. Tutti nati dall’esigenza e dalla voglia di esprimersi sotto forma di poesia musicata e di rime taglienti e riflessive. Un regione del Sud che offre alla musica italiana tantissimo materiale, stupendo, intenso e a volte provocatorio. Un valore aggiunto che sa sposarsi alla perfezione con i nuovi trend musicali.

Negramaro, dal Salento ai sold-out degli stadi italiani ultima modifica: 2018-11-23T10:30:54+01:00 da Sergio Cimmino
To Top