La Scurdijata: il piatto che mangiavano i contadini a colazione - itLecce

itLecce

CUCINA TRADIZIONALE TRADIZIONI

La Scurdijata: il piatto che mangiavano i contadini a colazione

La Scurdijata

La Scurdijata è un piatto salentino tipico della tradizione contadina. Più famoso nella zona del Capo di Leuca (ma consumato anche nella restante parte del nostro territorio), in passato veniva realizzato grazie all’ausilio di ingredienti avanzati il giorno prima. Pane raffermo, legumi, verdura ecc. Parliamo insomma di una pietanza davvero gustosa e fonte di tante energie! Ma che tipo di piatto tipico salentino è la Scurdijata? Qual è la sua storia? Raccontiamolo!

La Scurdijata Legumi
I legumi sono alla base della scurdijata

La Scurdijata: storia del piatto contadino

In passato, i contadini gustavano la Scurdijata la mattina presto, prima di recarsi a lavorare nei campi. Chiaramente si trattava di un lavoro duro di un’intera giornata, che terminava al tramonto. Sebbene gli ingredienti fossero ricchi e salati, per tale ragione la Scurdijata veniva consumata proprio a colazione e all’alba. Questo piatto a base di legumi, verdure e pane del giorno prima poteva esser mangiato a casa oppure messo in bisaccia e assaggiato strada facendo verso la campagna.

Contadini
Il piatto veniva consumato dai contadini

Gli ingredienti per preparare il piatto

Come detto all’inizio, la Scurdijata è composta da ingredienti spesso risultato di avanzi del giorno prima. In passato, buttare quel che non si era consumato precedentemente era infatti un vero sacrilegio! Per questo si ripiegava su questa pietanza, anche di facile e veloce preparazione. 

Vediamo subito gli ingredienti:

  • Pane raffermo;
  • Verdura del giorno prima (può essere cicoria, rape, bietole, broccoli…);
  • Legumi (anche in questo caso, si possono usare ceci, fagioli, fave, tradizionalmente cotti però a pignata, cioè nella pentola di coccio tipica salentina);
  • Olio extravergine abbondante;
  • Due spicchi d’aglio;
  • Sale, pepe e peperoncino se piace.
Pane Raffermo
Anche il pane raffermo era fondamentale!

La Scurdijata: preparazione

Per prima cosa, facciamo scaldare abbondante olio in una pentola insieme all’aglio, evitando di raggiungere temperature troppo elevate. Aggiungiamo la verdura già lessata e lasciamola insaporire per 10 minuti. Trascorso il tempo, aggiungiamo i legumi già cotti, e lasciamo cuocere per altri 10 minuti, condendo con sale, pepe e peperoncino. Se i legumi dovessero sfaldarsi, tanto meglio: ciò consentirà al piatto una maggiore cremosità. Mentre il piatto cuoce, dedichiamoci al pane raffermo. Tagliamolo a tocchetti grossi e scegliamo se friggerlo o tostarlo. Nel primo caso, va da sé che sarà più saporito, ma la scelta dovrà essere a nostro gusto. Pronta la Scurdijata e il pane, serviamo il piatto. Prima adagiamo la verdura con i legumi e dopo il pane a insaporire. (Volendo, è possibile sostituire il pane con della frisa ammorbidita). 

E il piatto è pronto!

La Scurdijata: il piatto che mangiavano i contadini a colazione ultima modifica: 2021-06-14T09:00:00+02:00 da Roberta De Gaetani

Commenti

Subscribe
Notificami
guest
2 Commenti
Oldest
Newest Most Voted
Inline Feedbacks
View all comments
Julieta B. Mollo

Wow!

👍

To Top
1
0
Would love your thoughts, please comment.x
()
x