CIBO CUCINA TRADIZIONALE TRADIZIONI USI E COSTUMI VALORI ED EMOZIONI

I dolci tipici di Natale a Lecce: tradizione e condivisione

Dolci Tipici Di Natale A Lecce

La preparazione dolciaria del Salento trova uno dei suoi massimi periodi di esaltazione nel periodo natalizio. In ogni casa di Lecce e provincia si aspetta il Natale preparando i dolci tipici della cultura locale, da condividere in famiglia nei giorni di festa. Così i purcheddhruzzi, le carteddhrate e il pesce di pasta di mandorla portano sulle tavole salentine pezzi di storia della tradizione dolciaria natalizia.

I principali dolci Tipici Di Natale a Lecce

Foto di Visor69 tratta da Pixabay

Dolci tipici di Natale a Lecce: i purceddhruzzi

I purceddhruzzi (chiamati anche purciddhruzzi o pastaddhruzzi in diverse zone del Salento) sono dei piccoli dolci a forma di gnocchetti rovesciati. Nella parte esterna hanno una zigrinatura ricavata dal passaggio su una superficie ruvida durante le fasi della lavorazione, ad esempio il rovescio di una grattugia. A Lecce si preparano generalmente con farina, lievito di birra, vino bianco, acqua e sale. Nella zona di Gallipoli e nei paesi circostanti non si utilizza il lievito. Nell’impasto rientrano succo di arancia, mandarino, limone, cannella, chiodi di garofano e liquore di anice. Il condimento finale è affidato a miele, confettini e cannella. Ogni famiglia in realtà conserva una ricetta propria, con varianti dei purceddhruzzi che si tramandano di generazione in generazione. Il momento della preparazione è poi già un anticipo della festa. Si preparano in condivisione, radunando familiari e amici.

i dolci tipici di natale a lecce i purceddhruzzi

Un piatto di purceddhruzzi

Le carteddhrate

Le cartellate (in dialetto carteddhrate) sono l’altro dolce tipico natalizio che non può mancare sulla tavola dei leccesi. Come nel caso dei purceddhruzzi, la loro preparazione è già un momento di festa e di condivisione. Una leggenda fa risalire l’origine delle carteddhrate all’antico Egitto. Pare che i faraoni amassero delle spirali dolci fritte del tutto simili. E che addirittura Ramses III ne fosse così ghiotto da ordinare che fossero ritratte sulle pareti della sua tomba. Nell’impasto delle carteddhrate solo ingredienti naturali: farina 00, olio extravergine d’oliva e vino bianco secco. La guarnizione è affidata al vincotto e al miele. Il vincotto è quello ottenuto da vitigni autoctoni come Malvasia e Negramaro. E, come per i purceddhruzzi, anche nel caso delle carteddhrate le varianti sono molte: in base alle zone del Salento e alle ricette tramandate dalle singole famiglie si possono trovare degli ingredienti in più o delle piccole variazioni.

Il pesce di pasta di mandorla

Non c’è tavola del Salento che si prepari al Natale senza il pesce di pasta di mandorla. Il migliore a Lecce è sempre stato storicamente quello preparato dalle Suore di Clausura del Monastero di San Giovanni Evangelista.

Lecce Chiesa San Giovanni Evangelista Pesce Pasta Di Mandorla Suore di clausura

Lecce, Chiesa di San Giovanni Evangelista –  Autore Lupiae Licenza CC BY-SA 3.0

E’ un’antica tradizione, in cui il dolce di pasta di mandorla assumeva forma di pesce durante il periodo natalizio e forma d’agnello nel periodo pasquale. Veniva realizzato come dono per gli alti prelati e per la curia arcivescovile. E’ tuttora possibile acquistare il dolce preparato dalle Suore, ma è necessario prenotarlo con considerevole anticipo. In ogni casa poi si alternano gustose varianti e decorazioni di ogni tipo, come quelle con le granelle o le scaglie di cioccolato. Per la farcitura si usa la faldacchiera, che non è altro che un composto di tuorlo d’uovo e zucchero cotto a bagnomaria. Il dolce si farcisce con la faldacchiera, marmellata di pere e scaglie di cioccolato fondente.

I dolci tipici di Natale a Lecce: tradizione e condivisione ultima modifica: 2019-12-16T09:00:00+01:00 da Simona Rizzo

Commenti

To Top