MITI E LEGGENDE NATURA

Grotte del Salento: alcune delle più famose e particolari

Grotte Del Salento

Luogo di spiagge, attrazioni e cultura radicata nel tempo, il Salento è altresì un posto popolato da numerose grotte, una più bella dell’altra. Dal versante Adriatico passando per quello Ionico, sono molteplici le grotte del Salento dalla storia fantastica, che vi lasceranno senza fiato. Ogni grotta, infatti, merita di essere visitata in lungo e in largo, per scoprirne sia la bellezza che tutto ciò che riguarda il nostro passato più recondito.
Ed è per questo che abbiamo deciso di elencarvi alcune delle più famose grotte, popolate da turisti e salentini di ogni dove. Continuate a leggere per scoprirle insieme a noi!

Grotte Del Salento Grotta Della Poesia

Un’immagine della Grotta della Poesia

Grotte del Salento: Grotta della Poesia

Non poteva non essere menzionata la Grotta della Poesia, situata nei pressi di Roca, una marina di Melendugno. Si tratta di una testimonianza molto importante dell’Era Messapica e ha una storia davvero romantica alle spalle, che poi dà il nome alla grotta. Pare che il concetto di “poesia” sia nato millenni fa, grazie alla presenza di una dolce principessa che era solita fare il bagno nei paraggi. Tutti i pescatori rimanevano costantemente abbagliati dalla sua bellezza, ed è per questo che adoravano dedicarle tantissime poesie struggenti. Da qui, il nome Grotta della Poesia. Le pareti della struttura sono ancora oggi intatte e questa grotta rimane luogo di divertimento e tuffi del litorale adriatico tutt’ora.

Grotte Del Salento La Zinzulusa

La Grotta della Zinzulusa nel suo splendore

Grotte del Salento: Grotta della Zinzulusa

La Grotta della Zinzulusa si trova precisamente tra Castro e Santa Cesarea Terme, sempre nel lato adriatico del Salento. Il suo nome è davvero molto caratteristico e deriva da “zinzuli”, letteralmente “stracci appesi”. Questi evocano le stalattiti di cui la grotta è composta. A differenza delle altre grotte, la Zinzulusa è possibile visitarla anche da terraferma poiché è presente una sorta di sottopassaggio interno. L’immagine della struttura è molto suggestiva: una grande fauce accoglie turisti e curiosi, alta oltre 15 metri, ricoperta da tantissime stalattiti. Al suo interno vi sono anche reperti che testimoniano il passaggio dell’uomo e di animali oramai scomparsi dall’Italia come gli elefanti. Un luogo da non perdere per una vista mozzafiato.

Piccole Caverne Salentine

Un’altra grotta del Salento

Grotta Romanelli

Spostandoci di poco da Castro e Santa Cesarea Terme, c’è la Grotta Romanelli, un’altra fruttuosa testimonianza, questa volta, dell’era Paleolitica. Attualmente la grotta è chiusa al pubblico ma è possibile ammirarla anche a distanza. Dopo numerosi studi e ricerche, sembra siano stati reperiti tantissimi oggetti appartenenti addirittura all’uomo di Neanderthal. Sulle pareti della grotta vi sono innumerevoli graffiti, sempre dell’era paleolitica. Ma, in aggiunta, vi è stato anche un ritrovamento di ossa, sembra di origine animale e di specie praticamente scomparse dal territorio. Si tratta di pinguini e gabbiani artici. Insomma, non solo una grotta ma anche un sito archeologico italiano davvero prezioso per la nostra storia.

Grotte Del Salento Porto Selvaggio

Un esempio di grotta nei pressi di Porto Selvaggio (Nardò)

Le Grotte Ioniche

Particolare menzione richiedono anche le grotte che impreziosiscono la costa ionica del Salento. Sono così tante che abbiamo deciso di menzionarne solo alcune per il momento. Partiamo da quelle più a nord, situate nel territorio di Porto Selvaggio, nei pressi di Nardò. Qui abbiamo la Grotta del Cavallo e quella di Capelvenere, che testimoniano sempre il passaggio dell’uomo di Neanderthal. Quest’ultima, poi, è chiamata così per la presenza di un particolare tipo di felce (la Capelvenere appunto), molto caratteristica.
Vicino a Leuca, invece, immancabili sono la Grotta del Diavolo e quella del Soffio. Il nome della prima deriva da testimonianze che raccontano di ululi agghiaccianti nei pressi del luogo. La seconda, viceversa, si contraddistingue per colori luminescenti e per giochi di luci e ombre particolarissime al tramonto.

Roberta De Gaetani

Autore: Roberta De Gaetani

La penna si è trasformata in una tastiera. I racconti di un tempo in curiosità di scrivere di tutto ciò che mi circonda.
Quella passione infantile è divenuta il mio lavoro.
Web Content Editor e Articolista.

Grotte del Salento: alcune delle più famose e particolari ultima modifica: 2019-09-11T09:00:03+02:00 da Roberta De Gaetani

Commenti

To Top