EDIFICI STORICI MONUMENTI

Castello di Acaya: storia, architettura e quando visitarlo

Il Castello - la sua struttura armoniosa

Il Castello di Acaya è sicuramente uno dei monumenti storici più rappresentativi della penisola salentina, insieme al Monastero dei Teatini e l’Anfiteatro Romano. Si tratta di una fortezza che sorge in un piccolo ma caratteristico paesino di soli 450 abitanti, Acaya, a 8 km a sud est di Lecce. Un luogo visitato spesso da turisti da ogni dove, pronti a fare un tuffo nel passato per scoprire la vera storia di questo castello dalla struttura così imponente.
Volete saperne anche voi di più? Ecco qui di seguito storia e architettura del celebre Castello di Acaya.

Il Castello di Acaya - le mura

La storia

Come detto all’inizio, il Castello di Acaya sorge a pochissimi km dal capoluogo salentino e detiene una storia davvero particolare. La struttura fu voluta e progettata da Alfonso dell’Acaya, componente della famiglia che governò il piccolo paese per oltre tre secoli. Parliamo dal 1300 in poi. Il figlio Giangiacomo ne fece cingere le mura e decise di fortificarlo in vista di eventuali attacchi da parte di forestieri. Dopo una serie di cessioni del feudo tipiche dell’epoca, la proprietà del castello passò alla famiglia Vernazza, di origine ligure, che non modificò né la struttura né tanto meno l’estetica. Dopo un attacco di mano pirata del 1714, la proprietà del castello passò di famiglia in famiglia per poi divenire di appartenenza dell’Amministrazione Provinciale di Lecce.

Il Castello di Acaya - visuale da lontano

La struttura del Castello di Acaya

Il Castello si presenta come un quadrilatero con bastioni ai vertici, destinati alla difesa o attacco da armi da fuoco. E’ costruito con strumenti e materiali tra i più innovativi, sulla base del fatto che la famiglia dell’Acaya, e lo stesso Giangiacomo il costruttore, era una delle più importanti in materia di architettura del XVI secolo. Dopo un recente lavoro di restauro, all’interno del castello è riemerso un affresco della seconda metà del ‘300: la Dormitio Virginis. La raffigurazione mostra gli Apostoli che assistono alla morte della Vergine mentre Gesù ne raccoglie l’Anima e la presenta al Padre. Inoltre, nel 2001, sono state rinvenute una serie di tombe con ossa umane. Si tratta di uomini con età tra i 25 e i 30 anni. Secondo uno studio dell’architetto barese Antonio Bramato, le tombe furono tumulate simultaneamente, per cui si suppone si tratti di soldati caduti nelle guerre del 1200 e 1300.

Castello di Acaya - panorama

Quando e come visitarlo

Il Castello di Acaya si trova nel paesino omonimo, un piccolo borgo a 8 km da Lecce. È da sempre soggetto a operazioni di recupero storico, artistico e culturale dal Comune che la gestisce, Vernole. È possibile visitarlo tutti i giorni (tranne il lunedì) dalle 9.30 alle 12.30 e dalle 16:00 alle 20:00.
Al suo interno, oltre alla sua bellezza architettonica, si può ammirare una mostra archeologica su Roca, una marina vicina. Inoltre, potrete osservare anche i diversi reperti originali dell’Età di Bronzo. Sono presenti altresì vari pannelli che illustrano gli sfarzi e gli avvenimenti più importanti della cittadina.

Roberta De Gaetani

Autore: Roberta De Gaetani

La penna si è trasformata in una tastiera. I racconti di un tempo in curiosità di scrivere di tutto ciò che mi circonda.
Quella passione infantile è divenuta il mio lavoro.
Web Content Editor e Articolista.

Castello di Acaya: storia, architettura e quando visitarlo ultima modifica: 2019-05-15T09:00:03+02:00 da Roberta De Gaetani

Commenti

To Top