I LECCESI RACCONTANO LECCE PER PROMUOVERLA

itLecce

ASSOCIAZIONI NEWS

Anziani e Coronavirus: rischi e numeri di assistenza in Salento

Anziani E Coronavirus

Anziani e Coronavirus: si tratta della categoria considerata più esposta al contagio, non solo nel nostro Paese ma in tutto il mondo. Da quando si è diffuso il COVID-19 in Italia (ormai diverse settimane fa), si è subito notato come la categoria di persone più soggette al rischio (e purtroppo anche alla conseguenza nefasta della morte) fosse quella dei più anziani. Sono anche i numeri a far evincere questa verità, che si aggravano di giorno in giorno. Anche se va specificato, tuttavia, che la popolazione più giovane non può di certo dirsi immune al contagio. Per questo è doveroso condividere il monito di restare a casa, per poter davvero scongiurare il rischio di esser colpiti dal COVID-19. Ma perché gli anziani sono più esposti al Coronavirus? Cosa sta facendo il nostro territorio per assistere nel migliore dei modi questa categoria?

Anziani E Coronavirus Categoria
Gli anziani sono davvero i più esposti?

Anziani e Coronavirus: davvero gli anziani sono più esposti degli altri?

Una delle poche certezze che abbiamo avuto in queste settimane di piena emergenza è che il Covid-19 è particolarmente temibile per una popolazione con fascia d’età medio-alta. Molti esperti, però, hanno voluto sottolineare che non si tratta di una semplice categoria più a rischio contagio, bensì di una fascia di popolazione con maggiore possibilità di sviluppare infezioni più gravi, proprio a causa del Coronavirus. La pandemia, infatti, può favorire un aggravamento del contagio, a causa ad esempio, dell’invecchiamento del sistema immunitario dell’anziano, ma anche per la presenza di altre patologie pregresse e croniche. Tra queste, il diabete o lo scompenso cardiaco. A causa di queste, inoltre, può divenire più complicato per un medico la semplice rilevazione del Coronavirus. Per tale ragione si consiglia caldamente a ogni anziano di prestare la massima attenzione a ogni segno di malessere. 

Rischi Per Persone Anziane
Agli anziani è raccomandato di restare a casa

Assistenza da parte del Comune di Lecce, Nardò e Salice

Il Comune di Lecce e tutti gli altri sparsi nella provincia, stanno facendo il possibile per poter assistere gli anziani, seppur con le dovute precauzioni. Da parte dell’amministrazione comunale leccese, ad esempio, è stato attivato un numero di assistenza dedicato alle persone e agli anziani in isolamento, attivo H24. (0832/230049). Chiamando questo numero, i volontari della Protezione Civile potranno recarsi presso il domicilio dell’anziano o contagiato in quarantena, fornendo assistenza e provvedendo per loro a recarsi in farmacia o al supermercato. Il gruppo scout NGEI di Nardò ha attivato lo stesso servizio di assistenza domiciliare rivolto sia a over 65 ma anche a eventuali contagiati. Il numero è 351/6626751 (attivo dalle 8:00 alle 13:00 e il pomeriggio dalle 14:00 alle 17:00). A Salice, sia i ragazzi del Servizio Civile che l’associazione Emergenze Salice Salentino, offrono spesa e aiuto a domicilio. Basta chiamare il numero 0832/723345 (9.00-11.00).

Mani Di Unanziana
Proteggere gli anziani è importante

Anziani e Coronavirus: altre iniziative di altri Comuni

Ecco altri servizi di assistenza ad anziani e contagiati sul territorio salentino di cui siamo a conoscenza:

  • Il Comune di Muro Leccese offre assistenza domiciliare a chi ne avesse bisogno. Il numero da chiamare è 0836/443219;
  • Lo stesso a Castrignano dei Greci. Numero gratuito 0836/583086;
  • A Melpignano si offre servizio di spesa e farmaci chiamando il numero 348/6599900;
  • A Lizzanello, le associazioni Organizzazione europea di prevenzione e volontariato di Protezione Civile” e La Rinascita, hanno istituito 4 numeri di assistenza agli anziani. Sono 320/6805988, 329/7439101, 320/2954052, 0832/652511;
  • A Leverano, si offre a spesa a domicilio per anziani e contagiati. Chiamare allo 371/4399608.
Anziani e Coronavirus: rischi e numeri di assistenza in Salento ultima modifica: 2020-03-23T09:00:00+01:00 da Roberta De Gaetani
To Top