I LECCESI RACCONTANO LECCE PER PROMUOVERLA

itLecce

ITINERARI NATURA SE PASSEGGIAMO

Angoli di Paradiso: il mare del Salento in ogni attimo

Angoli Salento Torrevado

Passeggiare nel Salento offre un senso di relax in qualunque giornata e periodo dell’anno. Non ci sono limiti: anche in inverno il clima è perlopiù gradevole (o quantomeno tollerabile) e questo consente di godere della varietà del suo paesaggio, di scoprire angoli di bellezza senza grandi restrizioni. In questo articolo vedremo alcuni anfratti di paradiso – il Salento ne è ricolmo ma ne citeremo alcuni.

Angoli di bellezza: il Salento in cui perdersi

Siete mai passati di sera dal Porto di Otranto? Proteso in un’ampia insenatura tra il Molo di San Nicola e numerosi pontili. Accogliente e magico ospita le imbarcazioni dei visitatori e quelle dei pescatori, offre servizi come il servizio di riparazione motori, scalo di alaggio, ormeggiatori, gru fissa 45 t e gru mobile. Un tempo anche punto di partenza per traghetti. Guardandolo dall’alto – magari dal Castello o dall’ingresso di Torre Matta – è una ventata di romanticismo. Di sicuro anche passarci di sera di ritorno da una bella passeggiata per il borgo ha il suo effetto. Uno tra gli angoli di bellezza del nostro Salento.

Punta Ristola: gli occhi verso l’infinito

Punta Ristola (che secondo una leggenda si sarebbe originata dalla morte di Aristula, giovane amata dal pastore Melisso. Quest’ultimo, oggetto di gelosia e di vendetta da parte della sirena bianca Leucasia, che si era invaghita di lui), è una delle estreme punte del promontorio di Leuca insieme a Punta Meliso. Ricca di reperti archeologici, Punta Ristola racchiude nella sua area anche la Grotta del Diavolo, anch’essa luogo di reperti. Affacciandosi dal suo belvedere si può inebriarsi di una distesa d’acqua dalla bellezza imponente che custodisce molte ricchezze anche per gli amanti delle immersioni. Un luogo mozzafiato.

Visuale di Leuca da Punta Ristola
Leuca vista da Punta Ristola – Foto di Antonella Marchisella ©

Sulla punta opposta chiamata Punta Meliso troveremo lo splendido Santuario di Santa Maria di Leuca. Da esso si protrae una lunga scalinata monumentale in sommità alla quale ci si può riempire i polmoni di un panorama unico.

Torre Vado: sbirciare lo specchio d’acqua tra i fiori rosa

Imbattersi in una camminata sul lungomare di Torre Vado vuol dire impiegare diversi metri nell’esplorazione del paesaggio che si srotola come le onde. E’ uno spazio ampio, lungo, dove possiamo ammirare le case e gli alberi in sommità da un lato e il mare dall’altro. La spiaggia è prettamente rocciosa ma perfettamente agibile. Vi è tuttavia anche qualche tratto di sabbia bianca. Solitamente si tratta di spiaggette prese d’assalto quelle di sabbia. Tuttavia, spostandosi sul lato roccioso ci si potrà comodamente sedere su una sdraio o su un telo deposto sugli scogli piatti ad ammirare più in solitudine il mare, o al relax nel leggere un buon libro. Avviandosi verso il porto di Torre Vado si scorgeranno le onde fra i rami degli alberi vicini alla riva. Essi spiccano tra il profumo di Bouganville e vari fiori colorati che rendono il tutto ancora più apprezzabile.

Angoli di Salento, visuale di Torre Vado
Lungomare di Torre Vado – Foto di Antonella Marchisella ©

Dotato di circa 200 posti barca e in fase di ampliamento, il Porto di Torre Vado è affacciato sulla splendida torre omonima. Cinque pontili di 14 metri e il molo foraneo abbracciano il porticciolo rendendolo un posto sicuro per le imbarcazioni. L’antica Torre saracena che sormonta il porto rende lo scenario più incantevole e un luogo per portarsi a casa foto ricordo speciali di una splendida vacanza salentina. Nei pressi del porticciolo e del lungomare si trovano tanti servizi e attrattive: dal lunapark ai locali e ristoranti per il divertimento e buona tavola.

Angoli di Paradiso: il mare del Salento in ogni attimo ultima modifica: 2020-01-08T09:00:00+01:00 da Antonella Marchisella
To Top